Dove si trova

MAPPA DELLA PROVINCIA

Organizza la tua vacanza

 archeologia
 arte e cultura
 mare
 monumenti e musei
 natura
 piatti e prodotti tipici
 sport e benessere
 tradizione e religione

Mobile

Visita la versione mobile del portale ottimizzata per iPhone e Android

Twitter

Seguici anche su Twitter
Lascia un feedback per questo contenuto

San Vito Lo Capo: ritorno all'Eden

 

Quando si pensa a San Vito Lo Capo la mente corre veloce a splendide istantanee di mare limpido, acque trasparenti e paesaggi mozzafiato. San Vito Lo Capo è tutto questo, ma anche molto di più.
Un luogo incantato che non delude le aspettative del visitatore, ma che è in grado di stupire con una ricchezza paesaggistica e monumentale di grande rilievo.     
Splendido è il Santuario, ubicato nella piazza principale; risalente al 1450, vanta dimensioni maestose: 104 metri di base, 16 di altezza, mura dello spessore da un massimo di due metri e mezzo a un minimo di venti centimetri. Dell'originale chiesa di San Vito Martire resta soltanto l'antico abside, attuale cappella di San Vito, dove è possibile ammirare la statua in marmo raffigurante il Santo giovinetto, risalente alla fine del 1.500 e attribuita al famoso scultore Gagini.
     Il faro è un altro simbolo di San Vito Lo Capo e la sua luce di notte arriva oltre le venti miglia marine, rendendolo uno dei più importanti dell’intera Sicilia. La sua presenza nei secoli passati avrebbe evitato decine di naufragi sulle rocce appuntite contro cui si sono frantumate navi romane, fenicie, arabe, normanne.
Fra San Vito lo Capo e Scopello, lungo la costa che dai greci e dai latini venne chiamata "Cetaria" per l'abbondanza dei tonni nel mare si estende la Riserva Naturale dello Zingaro, una delle più famose in Italia. La Palma Nana è il simbolo di questa Riserva naturale, la prima sorta in Sicilia; con la legge n. 98 del 6 maggio 1981 infatti la Regione Siciliana istituì la Riserva dello Zingaro, salvando questi splendidi sette chilometri lineari di costa e quasi 1.700 ettari di natura incontaminata.     
Questi sette chilometri di costa incontaminata restituiscono l’immagine di un paradiso terrestre, ricco di piccole baie, scogli appuntiti, case coloniche, rapaci, carrubi, olivi e, soprattutto, la palma nana, simbolo della riserva. Una visita a questa splendida terra non può prescindere dall’assaggio di un’enogastronomia d’eccellenza che enfatizza il valore di una vacanza che difficilmente si dimentica.