Dove si trova

MAPPA DELLA PROVINCIA

Organizza la tua vacanza

 archeologia
 arte e cultura
 mare
 monumenti e musei
 natura
 piatti e prodotti tipici
 sport e benessere
 tradizione e religione

Mobile

Visita la versione mobile del portale ottimizzata per iPhone e Android

Twitter

Seguici anche su Twitter
Lascia un feedback per questo contenuto

RISERVA MONTE BONIFATO

 
  • RNO Monte Bonifato, Funtanazza
  • Castello di Ventimiglia
  • RNO Monte Bonifato
RNO Monte Bonifato

Riserva naturale orientata Bosco d'Alcamo.
Istituita nel 1984, viene gestita dalla Provincia Regionale di Trapani e si sviluppa per una superficie  di 280  ettari sulla sommità del monte Bonifato.
L'originaria vegetazione, costituita da una fitta macchia sempreverde e da foreste di leccio, roverella e frassino, è  quasi dappertutto scomparsa a causa dei frequenti tagli operati dall'uomo e dai numerosi incendi. I declivi sono stati colonizzati dall’ampelodesma, più comunemente conosciuta come «Disa», specie resistente al pascolo ed agli incendi, che forma estese praterie lungo le pendici più erose in consociazione all’euforbia dendroide, la palma nana, il sommacco, la ginestra e la ferula. I ripetuti interventi di riforestazione hanno portato alla creazione di un fitto bosco costituito in prevalenza da Conifere, ormai allo stadio di maturità; attenti programmi di graduale diradamento consentiranno di far ripartire la vegetazione originaria del sito. Il sottobosco è costituito da piante quali il rovo, il pungitopo, l’edera, l’assenzio, il prugnolo, il biancospino, la rosa canina e la ginestra.
Il Bosco, nonostante risulti da un'opera di riforestazione con specie di origine esotica, costituisce comunque un habitat di un certo rilievo per le comunità di animali che ospita: parecchi fringillidi  quali il verzellino e il  verdone, rampichino e cinciallegra e tra i mammiferi il topo quercino. L’avifauna è ricca: nidificano rapaci come la poiana, il gheppio, il falco pellegrino, il falco lanario, il barbagianni, la civetta, l’assiolo.

La funtanazza
A nord-ovest dell’abitato di Bonifato, nei pressi di una delle due sorgenti del monte, si trova il grande serbatoio per la raccolta delle acque provenienti dalla sorgente sovrastante, conosciuto come “La Funtanazza”, edificio a pianta rettangolare (m.17x8), di epoca medioevale, che aveva una capienza di circa 1200 metri cubi. Le mura erano spesse circa 2,20 metri  e l’impermeabilità veniva assicurata da uno strato di impasto di cocciopesto e malta. Vi si accedeva  dal lato sud, come dimostrano i resti di una porta e le tracce di condutture.

La LIPU  ha realizzato un capanno birdwatching e sviluppato una campagna di sensibilizzazione nelle scuole sull’avifauna.
Il Bosco di Alcamo quindi rappresenta un'area verde di notevole interesse sia per lo sviluppo e l'equilibrio raggiunti dalla vegetazione arborea, che per la sua funzione ricreativa e culturale.
La vetta del monte Bonifato è stata abitata nei periodi pre-protostorico, arcaico, classico e medievale. Testimonianza  di un primitivo insediamento  sono i resti di una necropoli con circa 50 tombe a “grotticella artificiale”. Il villaggio medievale si trovava a nord-est del castello ed era circondato da poderose mura disposte a semicerchio.

 

Vedi comune di appartenenza