Dove si trova

MAPPA DELLA PROVINCIA

Organizza la tua vacanza

 archeologia
 arte e cultura
 mare
 monumenti e musei
 natura
 piatti e prodotti tipici
 sport e benessere
 tradizione e religione

Mobile

Visita la versione mobile del portale ottimizzata per iPhone e Android

Twitter

Seguici anche su Twitter
Lascia un feedback per questo contenuto

SANTUARIO MADONNA DELLA CAVA

 
Santuario Madonna della Cava

L’attuale chiesa è frutto della ricostruzione postbellica di quella del 1628, che sorgeva su una chiesetta sotterranea a navata unica, scandita da tre arcate. La volta è costituita da un masso granitico e nel pavimento si apre un pozzo. Sul lato sinistro dell’altare una scalinata conduce ad un’altra grotta che secondo la tradizione nascondeva il simulacro della Madonna della Cava.

Storia del ritrovamento

Il culto risale all’epoca delle persecuzioni iconoclaste (726-730), quando l’imperatore Leone III l’Isaurico ordinò la distruzione di tutti i simulacri, molti dei quali furono nascosti. Secondo la tradizione, nel 1514, il Padre agostiniano Leonardo Savina ebbe la visione della Madonna, la quale gli indicò il posto in cui avrebbe trovato una sua effige e ordinò di edificare una chiesa. Subito vennero iniziati gli scavi nella cava di via XIX Luglio, già via dei Santi, e il 19 gennaio 1518, in seguito al crollo di un masso, venne scoperta la grotta che conservava il simulacro della Madonna divenuta Patrona della città.

Numero tappa 18

Vedi comune di appartenenza