Dove si trova

MAPPA DELLA PROVINCIA

Organizza la tua vacanza

 archeologia
 arte e cultura
 mare
 monumenti e musei
 natura
 piatti e prodotti tipici
 sport e benessere
 tradizione e religione

Mobile

Visita la versione mobile del portale ottimizzata per iPhone e Android

Twitter

Seguici anche su Twitter
Lascia un feedback per questo contenuto

RISERVA NATURALE ORIENTATA FOCE DEL FIUME BELICE E DUNE LIMITROFE

 
R.N.O. Foce del Belice e Dune limitrofe

La riserva comprende un’ampia pianura dalla quale si sale verso l’interno, attraverso dei rilievi collinari di natura tufacea o calcarenitica, fino al confine con terreni gessosi del comune di Salemi.
Il sistema collinare è  solcato da tre fiumi: Belice, Delia e Modione. Notevoli sono anche le risorse idriche sotterranee, dovute ad acque di subalveo. Possiede un'estensione territoriale di circa 130 ettari. La zona litorale dove sfocia il Fiume Belice è di straordinaria bellezza per la colorazione cerulea delle formazioni dunali rivestite da una associazione vegetazionale di tipo psammofilo che protegge le dune sabbiose dai venti dominanti. Tra le piante alofite si rinvengono il ravastrello marittimo (Cakile marittima), la calcatreppola (Eringium maritimum), il giglio marino (Pancratium maritimum), la santolina (Santolina chamaecyperissus), l'erba medica marina (Medicago marina), la scilla marittima (Urginea maritima) e  il papavero delle spiagge  (Glaucium flavum), dalla splendida e generosa fioritura gialla primaverile. Si susseguono, risalendo verso l’interno, ambienti diversi con la tipica vegetazione palustre nelle anse del fiume come il giunco pungente, la  lisca maggiore, la Typha latifolia e la cannuccia palustre.  Si  prosegue con la macchia mediterranea, sempreverde, dove prevalgono il lentisco, l’olivastro, la palma nana e il carrubo.
Gli  specchi d'acqua ospitano una ricca avifauna, costituita soprattutto dal fratino dalle folaghe, dalla  gallinella d’acqua e dalla canniola.  Durante il periodo della migrazione si fermano uccelli stagionali quali: anatidi, aironi, trampolieri, la ghiandaia marina e il martin pescatore..
Fra i canneti vivono la  rana verde, il ramarro e, nelle zone più argillose, il rospo; in quelle più umide la salamandra. Lungo i bordi degli stagni vi è la biscia  e dovunque può essere presente la vipera. Sulla spiaggia, periodicamente, si verifica anche la presenza di tartarughe marine (Caretta caretta) che depositano le uova.

Vedi comune di appartenenza